Principessa Lia

Vi abbiamo raccontato la storia del rondone Lia, che dopo un’anno di cura e riabilitazione nel nostro centro di recupero finalmente ha ritrovato la libertà. Ecco a voi un piccolo filmato  🙂 Grazie Nelly!

Annunci

Festival dei rondoni a Trieste!

Siete tutti invitati questa domenica 28 giugno, alle ore 17.00, in Piazza Hortis a Trieste, alla performance teatrale “Camomilla e Cipolla: storia di un grande amore”.

Lo spettacolo, in forma di reading con lettura effettuata dall’attrice Di Mauro Dora con la presenza di un tecnico luci/suono, racconterà una delle più belle storie vissute nel nostro centro di recupero. L’evento è stato organizzato in occasione del FESTIVAL DEI RONDONI, un weekend dedicato in 21 città italiane e svizzere alla tutela di questa specie. La serata prevede anche una parte informativa sui rondoni, sulla loro presenza a Trieste e sulle abitudini di questi migratori su lunga distanza che giungono nella città per nidificare e la beneficiano della loro attività di contrasto degli insetti dannosi, oltre a un dialogo con il pubblico.

L’evento si svolge nel contesto di “PISUS” – Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile, un progetto co-finanziato dal fondo nazionale PAC (Piano di Azione Coesione) tramite la Regione Friuli Venezia Giulia e il Comune di Trieste, finalizzato ad incrementare l’attrattività del centro storico di Trieste dal punto di vista turistico-culturale. PISUS intende stimolare lo sviluppo e la crescita economica anche attraverso un sempre migliore utilizzo del vasto e articolato patrimonio culturale esistente e secondo un approccio di sostenibilità ambientale. Oltre al Comune di Trieste, il progetto vede coinvolta la Camera di Commercio come partner e co-beneficiario.

Il progetto di Animazione Urbana in cui si colloca l’evento del 28 giugno coinvolge le aree urbane tra Piazza Cavana, via di Cavana, Piazza Hortis, via Torino e Piazza Venezia e prevede la realizzazione di 100 eventi in un arco di 3 anni (50 solo nel 2015) rivolti a bambini, ragazzi, famiglie, anziani e turisti di passaggio, con lo scopo di valorizzare il contesto urbano delle aree interessate e di rafforzare le capacità attrattive della città in generale.

  

incontro a Campo nell’Elba

L’associazione Liberi di Volare era presente il mese scorso a un incontro nel Comune di Campo nell’Elba dove il sindaco ha presentato il nuovo regolamento edilizio con la specifica delibera di tutela dei siti di nidificazione per rondoni, rondini e balestrucci.

L’evento, che ha avuto tra i  relatori, il dr.Francesco Mezzatesta e la dr.ssa Franca Zanichelli, direttore  del parco dell’Arcipelago Toscano, si è concluso con la presentazione della nostra associazione e delle attività da essa  espletate a favore della salvaguardia delle specie migratorie suindicate, riguardante soprattutto la tutela dei siti di nidificazione urbani e la sensibilizzazione ed educazione della popolazione e degli enti pubblici attraverso conferenze, dibattiti, iniziative didattiche e messa in opera di siti di nidificazione artificiali, lì dove i siti di nidificazione naturali vengono rimossi o dove intervengano nuove ristrutturazioni ad opera dell’uomo.
Ha concluso la manifestazione, vista la presenza di due scolaresche, la lettura di un racconto prodotto ad opera della stessa associazione, che si propone di raccogliere, nel tempo, le storie più belle e significative di alcuni nostri migratori, per fermare nei ricordi i nostri protetti, allo scopo di dare un messaggio prettamente educativo, di rispetto e amore verso queste meravigliose creature!
di seguito alcune foto della giornata!
Francesco Mezzatesta e Silvana Di Mauro 2 - foto Cecilia Pacini

il dr. Francesco Mezzatesta e Silvana di Mauro, presidente dell’Associazione Liberi di Volare

Rio Elba Festa delle rondini 1  - foto Cecilia Pacini Allegato di posta elettronica

Nidi artificiali!

Questa è la sorpresa che i nostri soci e amici Michele e Tiziana hanno trovato in uno dei nidi artificiali posizionati l’anno scorso sotto il cornicione del condominio dove abitano, in via Svevo!

successivamente sono state deposte altre uova, in tutto sono cinque, divise in tre nidi!

aspettiamo con ansia la schiusa 🙂

11059325_10205804835135440_4122483454560793319_o

Il rondone Lia torna al suo castello!

questa nostra stagione migratoria si apre in modo veramente sorprendente e soddisfacente:

Il giorno 13 maggio, in un bel pomeriggio assolato, nel grande spazio del campo di volo di Prosecco, il rondone Lia, dopo quasi un anno di lunga detenzione temporanea, ha finalmente spiccato il volo, riconquistando la sua liberta’ con grande successo!

Lia, per chi non lo sapesse, proveniva da Duino o piu’ esattamente, dal parco  del castello di Duino, residenza dei principi Torre e Tasso, dove il 26 maggio di un anno fa, era stata ritrovata a terra, con un’ala completamente mancante delle sue remiganti…

Lia e’ stato un rondone molto impegnativo, una vera ‘principessa’, degna del nome che portava e del posto in cui aveva scelto la sua residenza, al ritorno delle sue migrazioni!

Non e’ stato facile alimentarla: per 5 volte al giorno i volontari dovevano  dedicare a lei circa mezz’ora del loro tempo e della loro pazienza, compreso la sottoscritta, visto che bisognava scegliere, con molta cura, gli insetti (grilli, ovviamente!) con cui imbeccarla, che dovevano essere freschissimi, della dimensione a lei gradita, senza il piu’ piccolo pezzetto di ala e scaldati alla giusta temperatura!…e tutto questo per quasi un intero anno!

Ma Lia e’ stata anche un rondone dolcissimo, dal portamento, diremo, aristocratico.. con grande dignita’ e pazienza aveva atteso che le sue pennucce ricrescessero: dopo ben sei mesi di cattivita’, quando io stessa cominciavo a disperare e a perdere le speranze, era appena rispuntata la prima  remigante, a cui avevano fatto seguito tutte le altre …Lia ha completato la ricrescita delle sue remiganti appena a marzo di questo anno e ogni penna nuova era un festeggiamento!

Purtroppo, la lunga cattivita’ forzata aveva rovinato, di contro, le penne della coda e Lia necessitava di un buon timone per poter tornare a  navigare negli spazi del cielo…cosi’ il nostro bravo veterinario il giorno prima della partenza, le ha regalato un lifting di tutto rispetto!

Bellissima e come nuova, con un bell’anello lucente che il nostro esperto inanellatore di fiducia ha posizionata alla sua zampetta e un piumaggio  a prova di intemperie, il giorno dopo e’ stata  portata al campo di volo.

Sebbene per un mese e mezzo circa Lia  avesse esercitato palestra di volo quasi ogni giorno nella nostra nuova sede, dove una intera stanza viene dedicata alla riabilitazione e al volo, era la prima volta che un rondone venisse da noi liberato dopo un cosi’ lungo periodo di inattivita’ e le incognite in uno spazio libero e immenso come il cielo, possono essere tante!

Ma Lia ha saputo dare il meglio di se stessa e allorquando ha visto davanti a se’ il cielo blu e i raggi del  sole che si preparavano al tramonto, con grande forza si e’ librata in volo, trovando le correnti ascensionali che la portavano sempre piu’ in alto e tracciando con il suo volo dei cerchi sempre piu’ ampi, fino a vederla diventare un puntino piccolo, piccolo, per poi rispuntare dal nulla e volare, altissima, sopra le nostre teste, come a volerci salutare per l’ultima volta e a ringraziare.

Questa e’ un’altra bella storia della nostra piccola quotidianita’ che volevo condividere, gioiosamente, con quanti ci conoscono e ci sono vicini!

Un grazie e come sempre, un saluto di pace sulle ali di un rondone!

Silvana

foto lia DSD_0001 (6) (Copia)

una bella foto di Lia, in volo dopo una lunghissima degenza!

Primo ospite dell’anno!

con l’arrivo della primavera e delle prime colonie di rondoni è arrivato anche il primo rondone ospite dell’anno presso la nostra associazione/centro di recupero!

Si tratta di una nostra “vecchia conoscenza” , un rondone adulto che l’anno scorso era stato accolto presso il nostro centro, che per un banale incidente era stato recuperato nel cortile della casa di riposo “Mater Dei” di Trieste.

Come sappiamo tutto cio’ vi chiederete..

Ovviamente, lo scorso anno, il rondone prima della partenza e’ stato inanellato e registrato e un’apposito “diario di bordo” e’ stato gelosamente custodito presso la nostra sede! E’ proprio l’anello che ora porta su una zampetta che ci ha permesso di riconoscerlo: il suo nome è Nico, dal bambino che la prima volta lo aveva portato a noi, dopo che fu scoperto che un anziano ospite della casa di riposo lo aveva tenuto piu’ giorni in sua compagnia.

Il nostro prezioso ospite sara’ adesso abbondamente curato e rimpinzato di cibo, cosicche’ speriamo di poterlo presto liberare insieme al rondone Lia, che aspetta ancora di veder ritornare la propria colonia nei cieli di Duino, con un tempo caldo e una stabile primavera!

Nuova sede operativa!

Carissimi tutti!

e’ con grande piacere ed entusiasmo che vi comunico che finalmente ce l’abbiamo fatta!!!

Il tanto sospirato cambio di sede operativa, che per mesi ha impegnato le nostre energie e le nostre risorse, si e’ definitivamente concretizzato il 29 marzo scorso, allorche’ volontari e pennuti  sono stati  trasferiti nella nuova sede di Strada di Fiume n.527 Trieste !

Tutti noi siamo molto contenti, in particolare i nostri pennuti, che adesso hanno una stanza tutta per loro, piena di sole, di luce, con vista cielo e grandi spazi verdi…

E’ un piacere vederli nelle loro grandi ceste, crogiolarsi al primo sole primaverile, mentre i loro amici balestrucci, la cosiddetta “armata Brancaleone”, stanno dietro la finestra, sopra un grande nido che li contiene tutti, a cantare, beccare cibo, sonnecchiare o giocare, spruzzandosi l’acqua della loro ciotolina, a vicenda, lisciandosi poi, una ad una, con grande cura, tutte le penne al sole!

Tutto cio’ rilassa, distende e aiuta a guardare la vita in modo diverso…aiuta a sperare e a pensare positivo, stemperando le ansie della vita di ogni giorno, cosi’ come fanno loro…

Altrettanto spera la nostra associazione che anche questo anno tutti voi vogliate aiutarci donandoci il 5 x mille.. (clicca qui per informazioni) l’allestimento dei locali sta comportando molte spese e un piccolo aiuto potra’ essere di sollievo , visto l’imminente inizio della nuova stagione migratoria !

Colgo, altresi’ l’occasione per ringraziare di cuore e augurare ogni bene a quanti mi hanno aiutato e continuano a farlo in questa difficile impresa e bella avventura, impiegando parte del loro tempo libero per la realizzazione dei  progetti dell’associazione, non lasciandomi mai da sola..

Come sempre, un grazie e un saluto di pace sulle ali di un rondone!

Silvana Di Mauro
foto 1

La vetrinetta con i piccoli oggetti artigianali che troverete all’ingresso della nuova sede

foto 2

La nuova palestra! Finalmente un’intera stanza adibita esclusivamente alla riabilitazione dei pennuti prima del rilascio!

Quote associative 2015

Carissimi tutti,

vorrei ricordare, a quanti avranno il piacere  e la generosita’ di continuare a sostenere la nostra associazione, il versamento della quota associativa per l’anno 2015.

Per chi vuole associarsi, può dare un’occhiata alla pagina relativa alle iscrizioni e lo statuto dell’associazione, e per maggiori informazioni può contattarci alla mail liberidivolare.info@gmail.com.

Il versamento della quota associativa di 20,00 euro puo’ essere eseguito anche a mezzo versamento c/c bancario intestato a “Liberi di volare Onlus ” Banca Popolare di Vicenza, filiale n.4 di Trieste / coordinate bancarie: IT35 L057 2802 2048 0757 1007 879 / codice swift: BPVIIT21807

Vorrei evidenziare che il vostro supporto, seppur piccolo, e’ importante per dare una mano ai nostri migratori, che, come ogni primavera, torneranno a trovarci!

Come forse  ho avuto modo di anticiparvi, circa 100 volatili, tra rondoni e balestrucci, sono stati accolti nella scorsa stagione presso il nostro centro di recupero e circa il 75 per cento e’ stato rimesso in liberta’ e adesso vogliamo immaginare che tutti stiano volando felici nella loro Africa! tutto questo grazie anche al vostro sostegno e al sostegno dei nostri “volontari attivi” che durante la trascorsa primavera-estate ci hanno aiutato, materialmente, a svezzare i piccoli trovatelli  caduti dal nido o i loro genitori adulti giunti in ricovero per incidenti traumatici ..

Purtroppo, il  cibo di queste piccole creature alate, altamente specializzato, e’ anche molto costoso! ma sappiamo anche che  senza una buona alimentazione, noi non saremmo in grado di reinserirli in natura..
i nostri amati pennuti, e’ vero,sono volatili molto impegnativi, ma anche molto preziosi per l’importante ruolo ecologico che hanno in questo ecosistema e quindi ognuno di loro e’ importante, cosi’ come importante e’ anche proteggere i loro siti di nidificazione, altro progetto per noi costoso e  di fondamentale interesse!

E poi, forse non tutti sanno che a brevissimo, (seppur con molto sacrificio e nuove spese), avremo una fantastica nuova sede, con l’aiuto del Comune di Trieste, dove ci sara’ la possibilita’ di avere piu’ spazio per i futuri “pazienti” e una piu’ adeguata palestra di volo, cosa fondamentale per la riabilitazione dei nostri pennuti!

Questo anno alcuni di loro, che la scorsa estate hanno perso il treno della migrazione, ci accompagneranno, pazienti, fino alla prossima primavera, allorche’ saranno liberati, dopo una lunga convalescenza, per tornare ad essere, si spera, liberi di volare!

In particolare, il rondone adulto Lia, o come la chiamiamo noi “principessa Lia”, con una particolare storia, tornera’ al suo castello di Duino dei Principi Torre e Tasso, dove fu trovata il 26 maggio scorso, con tutte le penne mancanti ad un’ala.
Lia, delicata e regale come si conviene ad una principessa e trattata come tale,  oggi, dopo 8 mesi di paziente degenza, ha rimesso tutte le sue remiganti mancanti ed e’ tornata piu’ bella di prima! ..Dovra’ fare molta riabilitazione dopo quasi un anno di totale inattivita’, ma sappiamo che ce la fara’! ..Questo e’ un piccolo spaccato o esempio della nostra quotidiana attivita’!

Ringraziandovi anticipatamente e speranzosa di avervi ancora tutti con noi nel 2015 per raccontarvi ancora progetti e  tenere, quanto belle, storie a lieto fine sui nostri migratori, saluto tutti con stima e affetto!

Silvana Di Mauro